29 ottobre 2017

Bombardamento dell'aviazione siriana su un asilo a Kafr Batna (Damasco) (29th October 2017)

Bombardamento dell'aviazione siriana su un asilo:



Dove: Kafr Batna, Damasco, Siria.

7 ottobre 2017

100 anni di Marghera: l'inganno letale dell'industria italiana


Si celebrano quest'anno i cento anni della creazione del complesso industriale di Porto Marghera. Tra i benemeriti che vi contribuirono si deve ricordare il Conte Giuseppe Volpi, imprenditore e criminale, governatore della Tripolitania all'epoca del colonialismo fascista, addirittura ministro nel Governo Mussolini.
Il documentario racconta non i fasti dell'Italia incosciente del boom 1950-1970 ma la distruzione e la morte causate dal petrolchimico.
La sentenza di assoluzione degli imputati Montedison pronunciata nel 2001 dal giudice Ivan Nelson Salvarani, di cui si parla alla fine del film è stata ribaltata in Appello nel 2004 e nel 2006 le condanne ai dirigenti sono state confermate in Cassazione. Una discussione sul perché della prima cavillosa surreale assoluzione si può leggere a questo link.

26 agosto 2017

Lettera alla redazione del Corriere farlocco della Sera

Buongiorno
sono un lettore come tanti della vostra prima pagina online; da tempo non mi stupisco più della vostra vocazione sovversiva, destroide, totalitaria, della vostra militanza renziana, nichilista, anti-Stato e chi più ne ha più ne metta.
Tuttavia vi faccio notare che alla gente interessano notizie come questa:
http://video.gelocal.it/nuovavenezia/cronaca/morti-nell-incendio-a-prato-la-proprietaria-dovevano-viverci-non-lavorarci/79106/79519 che voi non date di proposito, vogliosi come siete di creare una realtà fittizia dove "tutto va bene" e dove gli unici MALI sono le Ong, Ignazio Marino e i rifugiati (per citare solo le vostre più recenti grottesche campagne d'odio e bugia).

Ma sappiate che siete, da Stella (bella eh la tua patacca dell'anno scorso sul Concorsone! ci mancava) all'ultimo dei redattori (forse si salva Servegnini), gente in malafede.


Saluti
Davide Zanin

p.s.: e visto che ci sono, vi ricordo che non siete Novella2000 o almeno non lo eravate. Quindi la colonna destra della vostra frontpage, piena di sciocchezze e foto provocanti e veline e soubrette inutili, a mio parere dovrete lasciarla a Repubblica acchiappaclick.

23 agosto 2017

Recensione a: Psicologia (autori L. D'Isa, F. Foschini, F. D'Isa, editore Hoepli) per il primo biennio del Liceo Scienze Umane

Tra i vari titoli in commercio per il Liceo Scienze Umane questo è di gran lunga il peggiore. Stupisce come tanta ignoranza sia potuta venir condensata in così poche pagine.
Il panorama degli argomenti è molto ampio ma nessuno è veramente approfondito: troppo spesso ci si limita a fornire ricette da psicologia di senso comune e non mancano le citazioni di proverbi (p. 295).
Scarsi anche i riferimenti a ricerche sperimentali, per lo più superate (Guilford per l'intelligenza!). Per tutti i temi mancano agganci con la psicobiologia: cosa che sconcerta specie per le sezioni su emozioni, apprendimento e memoria.
Sempre sulle emozioni si segnala una certa ambiguità terminologica (si scambia "sentimento" con emozione appena tre righe dopo averli definiti come ben distinti) che non giova certo allo studente novizio che necessita di costruirsi un lessico psicologico preciso.
Inutilmente cervellotiche e confondenti anche le definizioni di motivazione, motivo, scopo, bisogno. Ridicolo poi ribattezzare la motivazione intrinseca come motivazione diretta. Ma si tratta probabilmente di una delle tante idiosincrasie degli autori.
Enfasi particolare viene data a ricerche di autori minori come Vester (capitolo Intelligenza) del tutto screditati da decenni di ricerche successive e, giustamente, ignorati anche nei programmi universitari delle materie psicopedagogiche.
Imbarazzante la menzione all'interpretazione psicanalitica del test della figura umana all'interno del capitolo sull'Intelligenza. Gli autori non potevano manifestare in modo migliore il loro sprezzo per gli alunni e insieme la loro ignoranza in fatto di epistemologia.
Comunicazione non verbale trattata come nei manuali da leggere sotto l'ombrellone (quelli tipo "io sono ok tu sei ok"): spazio dunque alle semplificazioni caricaturali dei significati nascosti delle varie posture del corpo. Menzione speciale (ma con la consueta vaghezza e fretta) per tale Abercombie, linguista irrilevante ma di cui evidentemente la premiata ditta D'Isa (padre e figlio eh! che teniamo famiglia) e Foschini ha letto qualcosa per la tesi di laurea ai tempi che furono. E dunque perchè non inserirlo?
Capitolo sul metodo di studio davvero raffazzonato e basato prevalentemente su un unico testo di Guido Petter. Gli autori insomma mostrano di essere fermi agli anni 80 e di non amare l'aggiornamento professionale, meno ancora la letteratura internazionale.
Colpisce infine l'assenza di riquadri biografici su autori importanti (neanche Bowlby). Presenti invece quizzetti a risposta multipla al termine di ogni capitolo.
Sintassi a volte affrettata e addirittura casi di periodi senza la principale; qualità di scrittura quindi nettamente inferiore al testo della Einaudi, già recensito negativamente.
Testo di utilità quindi nulla per qualunque docente responsabile. Dannoso per lo studente.

27 giugno 2017

La Nave di Teseo: appunti dai risultati delle amministrative 2017 e dal mondo dei media


Renzi sconfitto nei fatti ma vincitore davanti allo specchio: centra l'obiettivo di avere un partito in cui restano solo i suoi estimatori e il progetto di smantellamento della sinistra arriva piano piano a compimento. Un processo che ricorda il paradosso della nave di Teseo. In questo senso  risultati sono coerenti con quelli della sua recente elezione a segretario: tra gli iscritti e tra gli elettori sono rimasti solo i fans di Matteo, che ben poco rappresentano la sinistra riformista. 
Per capire che queste erano le intenzioni bastava seguire l'umoristico
https://twitter.com/renzomattei già dal 2014. 

La scarsa affluenza alle urne ormai cronica indica che l'elettorato di sinistra semplicemente non vota più: MDP - Articolo 1 non raccoglie infatti nulla e sconta la campagna ostile del Corriere della Sera che punta a rendere irrilevante agli occhi dei suoi lettori il partito di Bersani e Rossi: la strategia del giornale è quella di ignorare sistematicamente il partito o di parlarne solo riportando qualche dichiarazione di D'Alema, il meno credibile dei fuoriusciti, ormai considerato il rottamato per antonomasia, per di più ex-inciucista dunque ipocrita. Il Corriere, organo ufficiale della squadra renziana, soffoca in culla la sinistra non renziana presentandola ai lettori come quella fatiscente "cosa di D'Alema". Si veda come è costruito questo filmatino (che il Corriere rende impossibile da visualizzare direttamente in altri spazi).

I 5 Stelle che perdono voti e Lega FI che li guadagnano: chiaro indice che la base elettorale è  in parte intercambiabile e sovrapponibile. L'elettore grillino-salviniano, ultimamente deluso dalla vacuità dell'esperienza Raggi a Roma, ben pubblicizzata da tutti i media, mantiene come valore di riferimento l'opposizione all'immigrazione, alla Casta e alla UE. Null'altro. Si caratterizza spesso anche per: 1) una provenienza dal mondo dell'artigianato e della piccola imprenditoria allergica all'IVA; 2) un livello di istruzione medio che si vanta di essere arrivato al più al diploma (mentre per l'elettore di FI si deve includere una fetta più aristocratica di avvocati e commercialisti); 3) una scarsa e ormai caricaturale propensione a non approfondire qualunque tema di interesse pubblico (sanità, ambiente, scuola, geopolitica, ecc.).

Questo il desolante panorama attuale.

24 giugno 2017

Ostia Antica


Or dov'è il suono
Di que' popoli antichi? or dov'è il grido
De' nostri avi famosi, e il grande impero
Di quella Roma, e l'armi, e il fragorio
Che n'andò per la terra e l'oceano?
Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
Il mondo, e più di lor non si ragiona.

(G. Leopardi, La sera del dì di festa, 1820)